S tracolla Futura cognac pelle Borsa a vacchetta di Jost liscia x4ICwqx S tracolla Futura cognac pelle Borsa a vacchetta di Jost liscia x4ICwqx S tracolla Futura cognac pelle Borsa a vacchetta di Jost liscia x4ICwqx S tracolla Futura cognac pelle Borsa a vacchetta di Jost liscia x4ICwqx S tracolla Futura cognac pelle Borsa a vacchetta di Jost liscia x4ICwqx

Dettagli del prodotto

  • una tasca frontale con zip
  • due tasche con zip sul retro
  • chiude con chiusura a calamita, chiude con zip
  • regolabile cinghia di spalla (Lunghezza circa 75-150 cm)
  • logo in rilievo sul davanti
  • si porta sulla spalla

Interiore

  • Fodera di Poliestere tinta unita
  • uno scomparto principale
  • supporto per penna
  • tasca con zip
  • tasca interna
  • Materiale: pelle di vacchetta liscia
  • Dimensione: ca. 23 x 26 x 6 cm (Larghezza x Altezza x Profondità)
  • Peso 0,81 kg
  • Stagione: tutto l' anno
  • Garanzia: 2 anni
  • Origine: Made in Europe




  • Webcode: 81660

Avete domande su questo prodotto? Si prega di contattare il nostro .

Altre info

S tracolla Futura cognac pelle Borsa a vacchetta di Jost liscia x4ICwqx

Turismo e Cultura

cognac di liscia a tracolla Jost Futura S Borsa pelle vacchetta
a Futura pelle vacchetta S Jost liscia Borsa di cognac tracolla
tracolla Jost Borsa Futura S cognac vacchetta a pelle liscia di Famiglia Buonaparte
Borsa poliammide S a Art Kipling City chiaro mano marrone xqYZHtHw Dakota spalla Borsa pelle a Liu sintetica caramello Jo qO7wgg  Marine mendigote mendigote Marine Petite mendigote Petite mendigote Watson Marine Watson Petite Watson Marine Watson Petite SXdHAAxw S cognac tracolla a vacchetta Jost di Borsa Futura liscia pelle
tracolla cognac S Jost a pelle Futura di liscia vacchetta Borsa

Nella città di Sarzana è sempre rimasta viva la memoria storica che la famiglia da cui discese Napoleone avesse avuto origini sarzanesi tanto che tempo immemorabile all’illustre famiglia è intitolata la via adiacente alla casa-torre ove i Buonaparte dimorarono per secoli.

Nel trentennio 1220-1250, Sarzana insieme con la Lunigiana tutta, divenne uno dei centri dell’attività riorganizzatrice delle forze imperiali ad opera soprattutto dell’imperatore Federico II, che aspirava a sottomettere la Sardegna e ad estendere la sua effettiva signoria sulla Toscana e le isole. Per realizzare questo suo progetto era necessario controllare le principali vie di comunicazione tra Liguria, Emilia e Toscana,per sbaragliare la via alle città guelfe di Genova e Lucca scoraggiando sul nascere ogni loro tentativo di rivalsa.

In questo quadro il controllo delle importanti vie di comunicazione terrestri fluviali e marittime, che si incrociavano a Sarzana diviene essenziale per la strategia imperiale. In questo periodo caratterizzato da una rilevante espansione, Sarzana attira soprattutto dalla Toscana commercianti ed artigiani che possono vendere liberamente le loro merci in un mercato tra i più importanti dell’Italia del tempo ma anche professionisti in particolare notai; nel 1245 un Bonapars forse proveniente dalla città di San Miniato in Toscana capostipite della famiglia dei Buonaparte a Sarzana è membro del Consiglio comunale della città. Da quel momento in poi la famiglia sarà protagonista della vita sociale sarzanese, alcuni suoi membri svolgeranno un ruolo dirigente, assumendo incarichi pubblici e professionali di rilievo nel Comune; altri saranno canonici della cattedrale di Santa Maria.

Un’abile politica matrimoniale porterà i Buonaparte ad imparentarsi con le casate più illustri di Lunigiana; alcuni esponenti della famiglia contrarranno matrimoni con i Calandrini, legati da stretti vincoli di parentela con la famiglia del pontefice Niccolò V (Tommaso Parentucelli).

I Buonaparte giungeranno al culmine della loro ascesa sociale attraverso il matrimonio contratto tra Cesare e Apollonia figlia del marchese Niccolò Malaspina della Verrucola.

Nella seconda metà del quattrocento un esponente della famiglia Buonaparte di Sarzana, Giovanni si trasferisce in Corsica al seguito del governatore Tomasino Campofregoso dal quale ottiene la carica di reggente della città di Bastia, da qui la famiglia si trasferirà con Francesco ad Ajaccio dando vita ad una dinastia di ufficiali. La famiglia Buonaparte si è talmente bene integrata nella città isolana che nel 1567 vende la propria casa che ancora possedeva in Sarzana.

di vacchetta cognac Jost a Borsa Futura S pelle liscia tracolla Dopo alcune generazioni di ufficiali e di amministratori della città di Ajaccio si giunge a Carlo Buonaparte padre di Napoleone, primo console ed imperatore dei Francesi.

 

Da "Società, economia, avvenimenti, personaggi di Sarzana" Volume II di Lamioni, Salviati, Gastardelli
Edito da Pubblica Assistenza "La Misericordia & Olmo" Sarzana e AISM - La Spezia


di Borsa tracolla pelle S Futura a cognac vacchetta Jost liscia
© Comune di Sarzana
info@comune.sarzana.sp.it
Ultima modifica
22.03.2012
a S Borsa cognac vacchetta pelle Futura tracolla liscia di Jost P.E.C.
protocollo.comune.sarzana@postecert.it